mercoledì 11 gennaio 2017

I BIGLIETTI DI ROBBIE WILLIAMS VENDUTI DIRETTAMENTE SUI SITI DI RIVENDITA


La IEMusic ( la società di management di RW ) ha messo i biglietti del tour 2017 di Robbie Williams sui siti di rivendita GetMeIn e Seatwave. In un caso a £65 in più, al lordo di commissioni, di un biglietto venduto su Ticketmaster.
E la società aveva in passato chiesto al governo di adottare misure severe contro i rivenditori di biglietti.
Ticketmaster che possiede GetMeIn e Seatwave ha detto che i biglietti, descritti come 'platinum tickets' sui siti avevano un prezzo stabilito in base alla domanda, in accordo con i propri clienti, gli organizzatori di eventi.
IEMusic non ha rilasciato nessuna dichiarazione in merito.
Per esempio su ticketmaster i biglietti di RW Etihad Stadium, Manchester, venerdì 2 giungo 2017 seduti primo livello blocco 126 costano £95. Ma GetMeIn per la stessa data e location vende biglietti denominati 'platinum' seduti per il blocco 125 a £160. Praticamente £65 in più per gli stessi biglietti.
Siccome i biglietti vengono venduti direttamente dal team dell'artista, tutti i proventi vanno a loro.
Un comunicato di Ticketmaster dice : '' I biglietti platinum sono una piccola percentuale dei posti migliori e quindi in accordo con i nostri clienti, gli organizzatori di eventi, il prezzo è stabilito in base alla domanda.
L'industria inglese dei concerti live ha per anni venduto biglietti platinum facendo in modo che il ricavato di questi biglietti andasse ai titolari di diritto e non ai rivenditori. ''
Nel novembre 2015 la IEMusic ha firmato una petizione dicendo : '' Noi come artisti, managers e agenti siamo davvero rammaricati per l'incremento degli abusi dei bagarini per i biglietti dei concerti ed eventi sportivi ''
Volevano che il governo prendesse seri provvedimenti contro questi abusi.
Il promoter Harvey Goldsmith disse che la posizione del team di RW lo aveva fatto infuriare : '' Penso che sia sbagliato, ma almeno spero che la maggior parte delle persone che hanno firmato la petizione siano in buona fede e facciano il possibile per prevenire il mercato di rivendita biglietti ''
Il deputato conservatore e membro del dipartimento cultura e sport Andrew Bingham ha aggiunto : '' I bagarini hanno fatto in modo che questo sistema di rivendita andasse a loro favore. E sembra che il team di qualche artista sia loro complice ''
Nel mese di dicembre The Competition and Marketing Authority ha annunciato che stava investigando sul mercato illegale di biglietti al fine di garantire che le vendite fossero conformi alle leggi di tutela dei consumatori.
Un rappresentate del Capital FM's Jingle Bell Ball e Summertime Ball ha confermato di aver messo i biglietti per entrambi gli eventi sul sito di rivendita StubHub ma senza aumentarne il prezzo.
Si è inoltre scoperto che i siti di rivendita StubHub, Get Me In e Seatwave fanno uso di speciali sofware, che potrebbero essere usati dai bagarini, per consentire agli utenti di vendere un gran numero di tickets attraverso le loro piattaforme.
Per registrarsi al software StubHub Pro l'utente deve dimostrare di aver venduto almeno $50,000 (£40,000) biglietti in un anno. Il sofware consente inoltre agli utenti di vendere biglietti in diverse valute.
StubHub non ha dichiarato nulla a proposito.
Ticketmaster ha dichiarato che il loro sofware, Ticket Utils, non era disponibile in UK.
Entrambi si erano precedentemente scagliati contro i software che consentivano ai bagarini di comperare un vasto numero di biglietti per la rivendita illegale.
In Italia i legislatori si sono mossi per sconfiggere il mercato secondario di biglietti, dopo un'accurata indagine che ha portato alla luce che Live Nation Italia vendeva migliaia di biglietti a Viagogo per la rivendita a prezzi maggiorati.
In un precedente comunicato Live Nation Italia aveva detto a Billboard Magazine che le accuse erano limitate ad un piccolo numero di biglietti per una manciata di artisti internazionali.
Andy Inglis, il direttore di un'importante società di management ha detto si tratta di una bancarotta morale :
'' Credo che gli artisti dovrebbero rispondere ai propri fans e prendersi le proprie responsabilità. Ma è anche vero che più un artista è grande e più è distante dai fans. Quindi penso sia più facile mettere da parte la propria etica e incaricare altri ''




Nessun commento: