Segui su twitter

IN EVIDENZA:
TESTI E TRADUZIONI IN ITALIANO BRANI ROBBIE WILLIAMS
AGENDA :
17 Novembre 2019 - Hits Live Manchester
22 Novembre 2019 - Uscita album The Christmas Present
29 Novembre 2019 Concerto per radio 2 BBC
16 Dicembre 2019 : Party Natalizio con RW Arena di Wembley

martedì 19 dicembre 2017

SOFFRO DI '' DISTURBO DI DISMORFISMO CORPOREO ''



Intervista a Indipendent.ie

-Recentemente hai detto che a volte ti vedi magro ma depresso oppure grasso ma ti vergogni del tuo fisico. Come ti senti al momento ?
RW : Un misto di entrambi. Uno dei giorni migliori della mia vita è stato andare da un dottore e spiegargli come mi sento riguardo il mio peso e il mio aspetto. Lui mi ha detto che sono dismorfico . Ho il Disturbo di Dismorfismo Corporeo. 
Perfetto allora non esiste davvero !  ( dice Robbie riferendosi all'odio che prova per il suo corpo )
E' strano essere felice per una scoperta del genere ma è una cosa che va avanti da sempre. Sono una pop star ed ho il mio ego. E' importante l'aspetto fisico. Voglio apparire al meglio e spesso invece non mi piaccio. Ho un debole per lo zucchero e le cose che mi fanno male. Sono costantemente in lotta per questo. Trovo ... e potrebbe non essere vero perchè molte delle cose che mi dico non sono vere .... che io sia entrambi . Sia quello che mangia come un monaco, che nega se stesso ed è depresso per questo oppure quello indulgente ma è sempre depresso perchè è grasso.

-Cosa ne pensa tua moglie ?
RW : Anche lei ha avuto più o meno lo stesso problema. La pressione di apparire bella ....

-E' una sorta di sadomasochismo. Godere del dolore ad un livello psicologico profondo.
RW : Forse si. Forse il dolore è un posto comodo per me dove stare. Devo lavorare anche su questo. Ma sembra essere una verità nella mia vita che mi è entrata nella testa come ' o è quello ... o è questo ' . Forse c'è una via di mezzo ma devo ancora trovarla.

-Sei preoccupato che questo tuo modo di essere sia legato alla tua creatività e quindi cambiare dottrina potrebbe portarti a perdere la creatività ?
RW : No. Vorrei poterla estrapolare ma non penso che qualsiasi particolare tendenza io abbia debba svanire troppo presto. Quindi non devo preoccuparmi di non avere quella scintilla sadomasochista, qualsiasi cosa sia. Penso che sia qualcosa che mi porterò dentro per tutta la vita. Potrebbe anche non essere vero . Ma non devo temere di avere l'energia per essere quello che sono e fare il mio lavoro perchè le parti davvero incasinate sono mie e devo gestirle io.

-Quali sono queste parti incasinate ?
RW : La parte tra le mie orecchie. E la lingua che parlo a me stesso. Lo spazio tra le mie orecchie è proprio quel pezzo incasinato. Penso in termini negativi e dubito di me stesso.

-Stai cercando di rompere questi schemi ?
RW : Sì ma è un processo troppo lento. Più lento di quanto vorrei.

-E' vero che la sera prima del giorno del primo appuntamento con tua moglie hai fatto sesso con la donna che era il tuo spacciatore in un appartamento di Bel Air ?
RW : Sì certo l'ho fatto

-Come si fa a scopare con il tuo spacciatore ? E' stato per avere la droga senza pagarla ?
RW : No, ho pagato tutto. Cioè ho pagato non per il sesso ma per la droga. E in realtà non era proprio lo spacciatore ma l'amica dello spacciatore che mi ha portato le pillole.

-Lo hai detto ad Ayda la sera dopo ?
No. Lo ha scoperto solo leggendo Reveal

-Come ti avrebbe descritto Ayda ?
RW : E' totalmente e assolutamente innamorata di me. Gli piaccio molto e vede il meglio di me. Riesce a vedere la persona che sono nonostante io mi dica che non lo sono. Ma lei è molto simile a me. Tormentata dai dubbi su se stessa, dall'ansia. E' nevrotica e tutto quello che ho detto prima.
Siamo due pazzi con i nostri pazzi incastri.

-Il tuo matrimonio sembra una versione moderna del film Carry On che incontra Curb Your Enthusiasm
RW : La gente pensa di poter fare un buon reality show perchè la loro famiglia è un pò fuori di testa. La famiglia lo è davvero. Ne verrebbe fuori un reality show d'oro.

-Cosa ne pensano i tuoi figli della tua popolarità ?
RW : Sono ancora troppo piccoli e io li porto sempre con me quando posso anche se stanno molto bene a casa, soprattutto Teddy che può chiacchierare di più. Guarda alla tv lo stadio pieno di gente che si rivolge al suo papà e per lei è normale. E' interessante. 
Per esempio l'altro giorno ero ospite a Loose Women su ITV e Teddy era con me nel camerino. Dalla finestra si vedevano in strada una cinquantina di donne che mi aspettavano. Teddy mi ha chiesto '' Papà perchè ci sono tutte quelle donne lì fuori ? '' E io : '' Aspettano me '' E lei : '' Perchè ? '' E io : '' Perchè a loro piaccio, babe '' . Lei è rimasta un attimo a pensare ma si è subito distratta con i suoi giochi di principesse e cose del genere. Insomma è davvero interessante vedere come per lei sia la normalità. Ancora non ha capito il concetto di fama ''

-Rifaresti tutto ora che sai cosa significa essere famoso ?
RW : Assolutamente si. Avevo un biglietto per  'Willy Wonka e la fabbrica del Cioccolato' e adesso posseggo la Fabbrica del Cioccolato. A volte può essere una rottura di coglioni la Fabbrica del Cioccolato ma è anche molto divertente !
La fama per me è come la sensazione nel giorno del tuo compleanno quando ti presentano la torta e otto o nove persone cantano Buon Compleanno a casa o al ristorante. Sai come è imbarazzante ? E tu vorresti solo che finisse la canzone. Questa è la sensazione che ti da la fama. Le persone sono benintenzionate e ti augurano il meglio, ma puoi per favore non cantare ? e la canzone può finire ? .  Ecco cos'è la fama.
Il successo è un'altra cosa. E' una droga. E' potente e anche divertente. E' un incubo pensare di perderlo. Quindi potresti dire che sono davvero drogato di  successo ma assolutamente non di fama. 

-Di quale canzone sei davvero orgoglioso ?
RW : Feel. E' la prima canzone che mi viene in mente .Yeah, Feel ... si quella. 

-Altre ?
RW : Ci sono tante canzoni dei miei albums che mi piacciono molto ma al momento non me ne viene in mente nessuna

-Stai scrivendo canzoni per il nuovo album ?
RW : Sempre ..... sto sempre scrivendo canzoni per i miei albums ma questa volta no. Ho 43 anni. Ho scritto 12 albums miei. Ho fatto promo per 15 albums. 16 albums con i Take That. Mi sento quasi svuotato di energia da essere preoccupato. Prima o poi tornerà. 

-Mi chiedo ancora come è il tuo corpo al momento
RW : Sono al confine tra il magro e il grasso. Ecco dove mi trovo ora. Questo coincide con un meraviglioso attacco di dismorfismo corporeo. Quindi mi vedo più grasso di quanto io sia realmente. Puoi immaginare quanto mi veda grasso io. Ecco come mi vedo al momento.

-Pensi di essere brutto ?
RW : Er ... sì.

-Quindi non importa quante belle donne hai avuto ? Non basta ad aumentare la tua autostima ?
RW : Nonostante tutte le prove che la mia vita mi ha dato, c'è un lato di me stesso che non vuole tenerne conto. Questo sono io e sono sicuro che là fuori c'è altra gente che si sente come me e che si è trovato nella mia stessa situazione . Ma questo non è il solo aspetto che rappresenta la mia persona.
C'è anche una parte di me che è contenta di quello che ho fatto ma è vero ... non mi piace guardarmi. Non mi piace osservarmi. E' come avere un telefono e riascoltare la propria voce.

-Se potessi ora mostrarti le foto di tutte le belle donne con cui sei stato e tutti i dischi che hai venduto ecc.. potrebbe aiutarti in qualche modo ?
RW : No. Non funziona così. La mia teoria è la mia teoria. E nonostante l'evidenza questa forza è molto forte. Ed è un peccato davvero. E' anche molto triste. Ma ci sono dei giorni in cui mi sento meglio.

-Quando sei diventato padre questa forza negativa ti ha un pò abbandonato ?
RW : La paternità mi ha impedito di pensare continuamente a me stesso e di concentrarmi su altre cose. Questa è stata una benedizione.

-Che padre sei ?
RW : Alcune volte faccio le cose giuste, alcune volte no. Come ogni padre. Ma sono pieno d'amore. A volte mi incazzo e non me ne frega niente. Molte volte mi sento come se stessi fissando l'universo e l'universo mi stia mandando tutto il suo amore. A volte invece mi sento frustrato e mi fanno incazzare perchè sono delle teste di cazzo. Suppongo come qualsiasi genitore. 
Faccio promo e vado a lavorare. Non devo pensare allo stato della mia testa ma siccome sono disposto a parlare di quello che mi capita mi ritrovo continuamente a dovermi giustificare per quello che ho detto durante le interviste precedenti. Così faccio un sacco di interviste e quando ho finito penso : ' Oh yeah .. ora devo pensare a quanto sono fottuto per i prossimi tre giorni almeno '
Vado a casa, vivo sotto il sole ed ho una bella vita. Solo fino a quando mi fanno domande su quello che ho detto ... allora devo affrontare ciò che sta succedendo nella mia mente.

-Ti preoccupa dover affrontare quello che sta succedendo nella tua mente ?
RW : No, perché mi piace lo showbusiness ed è parte del gioco. Anni fa, durante gli anni di gloria, pensavo che dovevo dire la mia verità perchè i media avrebbero raccontato un sacco di bugie. Pensavo che fosse molto importante, nel bene o nel male, raccontare a tutti cosa mi stava succedendo. Almeno là fuori c'è una voce autentica, che è la mia .
E ora che i riflettori non brillano più su di me così intensamente, non è necessario essere così onesti. Non ci sono più in giro tante bugie su di me perchè non c'è più così tanta gente che scrive su di me. E' meno intenso. Anche quando voglio intrattenere vedo che se dico la verità la gente è più interessata. 
Spesso ho detto che fare il mio lavoro è come una lotta in un bar. Prendi tutto ciò che riesci a prendere per aiutarti a vincere quella lotta. E se questo significa essere onesto, dire quello che mi sento di dire e parlare di quanto sono incasinato ... ok vuol dire che lo farò.

-Sei cambiato ?
RW : Sì...lo sono.  Ho 43 anni ed è una vita che parlo a me stesso in termini negativi. Questo non può cambiare all' improvviso. Ma sto facendo dei passi nella giusta direzione perchè le cose cambino.
Ora faccio yoga e pilates. Ho iniziato a fare meditazione e dico una preghiera alla mattina e una alla sera.
Faccio questo per migliorare la mia vita. La mia vita esteriore è assolutamente incredibile, niente di cui lamentarsi, ma tutto il casino è nella mia testa 

-Recentemente hai detto che questo lavoro prima o poi ti ucciderà. Perchè non fai come John Lennon e ti ritiri per un pò ?
RW : L'ho fatto nel 2006. Mi sono ritirato. Ma la frase che tu hai citato l'ho detta quest'anno. Quando stavo davvero male. 

-Come è stato il periodo di ritiro ?
RW : Noioso. La mia testa era diventata come un formaggio svizzero .Un uomo ha bisogno di uno scopo. Mi stavo spegnendo. Ho capito che dovevo tornare e sono tornato.
La mia carriera è come un cubo di Rubik. Devo provare ogni combinazione prima di arrendermi  e rendermi conto che non riuscirò mai ad ottenere la combinazioni di colori che voglio.

-Pensi che qualcuno riesca davvero ad ottenere i colori che desidera ?
RW : 
No. Non credo ma è divertente provarci.  Posso solo parlare di quello che succede nella mia testa e di come penso e come mi sento.

-Quando hai bevuto l'ultima volta ?
18 anni fa

-L'ultima volta che hai fatto uso di cocaina o cose simili ?
C'è stata una leggera ricaduta. Ma non dirò il periodo. Più di dieci anni fa.

-Hai qualche storia legata alle droghe da raccontare 
Ero a casa di Bono tanti anni fa e guardavo un quadro bellissimo. Prima di andare a casa sua però mi ero fatto con dei funghi allucinogeni quindi non ero molto presente sul pianeta. Adoro Bono ma mi sentivo un pesce fuor d'acqua in quel luogo pieno di gente interessante. Tuttavia quel dipinto era il più bello che avessi mai visto sulla faccia della terra. Bono se lo meritava e glielo dissi. Lui mi rispose : ' Robbie quella è la finestra '

-A parte Bono, cosa farai a Natale ?
Starò con la mia famiglia. Ayda sta spendendo un sacco di soldi per le decorazioni e la nostra casa sembrerà Blackpool illuminata a festa. Mi godrò il Natale girando per la casa ma sono preoccupato per la bolletta dell'elettricità.


Nessun commento: