Segui su twitter

IN EVIDENZA:
TESTI E TRADUZIONI IN ITALIANO BRANI ROBBIE WILLIAMS
AGENDA :
7 OTTOBRE 2019 - Concerto per i soli iscritti all'app presso Roundhouse Londra

lunedì 13 gennaio 2014

ROBBIE WILLIAMS : LA POP STAR PER ECCELLENZA



Jessamy Calkin, giornalista di FAQ Magazine scrive :

Robbie Williams è tutto ciò che potreste desiderare da una pop star. La sua vita è stata un tripudio di fama, successi ed eccessi. Ma ora alla vigilia dei suoi 40 anni riscopriamo un uomo cambiato, marito e padre di una bella bimba.
Ai Q Awards che si sono tenuti di recente a Londra ha ricevuto il premio 'Q Idol'. Uno dei tanti premi 'confezionati' per le celebrità. Infatti durante la premiazione ha bonariamente commentato : ' Ne ho un sacco a casa... '. E non stava scherzando. Ha vinto ben 17 Brits, più di qualsiasi altro artista. Ha comunque continuato il discorso spiegando quanto sia onorato di ricevere il premio...e nemmeno qui scherzava ...Williams è irriverente ma non cinico.
Ha fatto tour spettacolari come l'ultimo dove è apparso sopra ad una copia gigante della sua testa o qualche anno fa, sospeso per le caviglie dall'alto del palco. Ha realizzato video scandalosi ai limiti del buon gusto evitando di conformarsi a certi schemi. Insomma la pop star per eccellenza. Ed ora su di lui grava la responsabilità di mantenere questo titolo e divertirsi nello stesso tempo.
Oltre a tutto ciò ha scritto canzoni pop di grande successo e sei dei suoi albums sono tra i più grandi successi in UK.  Ma come tutte le persone di grande talento, Williams ha anche un lato oscuro, che viene spesso nascosto dal suo ruolo di entertainer. Dategli un pubblico e lui rinasce. Diventa loquace e civettuolo sul palco. Scherza con i fans, chiama le ragazze sul palco. Ha quello spirito libero e giocoso che manca nel panorama musicale pop britannico.
E come lui stesso si è definito tempo fa, Robbie Williams è un intera boyband in un unica persona. E' dolce, sfacciato, intelligente ed affascinante.
Il nuovo album swing è ispirato ad un genere musicale che iniziò ad amare ascoltando i dischi di suo padre quando era piccolo.
Papà Pete è stato anche un poliziotto oltre che un barista ed ha lavorato anche come intrattenitore nelle colonie di vacanza :
" Mio padre mandò un dollaro a Frank Sinatra chiedendo di renderlo autografato. Quel dollaro tornò con una firma e lo fece subito incorniciare. Il quadretto è stato appeso al muro di tutte le case che  abbiamo abitato. Papà parlava di questi artisti come fossero delle divinità. Questo è stato il mio primo passo verso lo showbiz. Se fossi riuscito a diventare come loro sarei stato un Dio anche io ! "
Robbie Williams è stravaccato su un divano di un anonimo salotto di  Londra con mobili eleganti e quadri astratti sulle pareti. Ma si tratta di una casa presa in affitto e l' arredamento non è stato scelto da lui. Sembra quasi una sala d'attesa. Con alcuni stender sui quali sono appesi gli abiti del suo recente tour. C'è anche un megaschermo al plasma utilizzato per sponsorizzare il tour ma al momento non funziona.
Dal piano di sotto salgono voci di chiacchiere e si sente la presenza di un bambino, oltre ad un profumo di cucina. Decisamente laggiù deve esserci un ambiente ben più allegro di questo !
Williams sembra un pò stanco ma sempre gentile e disponibile. Indossa pantaloni della tuta grigi senza scarpe e parla lentamente con un sottofondo di umorismo. Ufficialmente vive ancora a LA.dove si è trasferito dal 2002, ma sta progettando di tornare qui a Londra. Ha già una villa nel Wiltshire ma è troppo 'in campagna'. Per questo vuole una casa nella capitale :
" Mi piaceva scappare dal brutto tempo che c'è qui ed andare a L.A. a gennaio. Trascorrere un mese nell'anonimato in pace e tranquillità. Faceva bene alla mia anima. Poi un gennaio ho deciso di rimanere. E' successo 13 anni fa. E sono sempre indeciso se restare in California o tornare in UK. Perchè mi manca tanto l' Inghilterra e le persone.
In origine ho scelto di stare a L.A. per il sole, per le feste e per le donne. Ma ora lo scopo principale è stato raggiunto. Ho trovato mia moglie ed ho una bimba...le esigenze sono nettamente cambiate."
La moglie di Williams, Ayda, è un attrice e la sua carriera ruota intorno alle audizioni per gli spettacoli televisivi che si svolgono i primi tre mesi dell'anno a L.A.
" Ma io non voglio che Teddy cresca a L.A. Qui ci sono tante belle persone e vorrei che lei diventasse elegante come loro. Con lo stesso accento, con la stessa educazione ed istruzione. In California i bambini sono maleducati. Non salutano..non ringraziano. L'altro giorno giravo con Teddy e una bimba ci è passata davanti con una motoretta. Si è subito scusata. Non sarebbe mai successo a L.A. Al massimo ti facevano un grugnito. Teddy crescerà bene perchè ha dei genitori fantastici ma non vorrei mai che fosse circondata da maleducazione.
In America sono relativamente anonimo. Quel cantante che ha venduto un sacco di dischi ed è famoso in UK. Ma ogni volta che uscivo quando mi sono trasferito a L.A. c'era comunque una capannina di paparazzi ad aspettarmi. Poi da quando ho conosciuto Ayda nel 2007 mi sono barricato in casa facendomi crescere la barba ed indossando solo un caftano. Spesso dormivo in una tenda in giardino. Quando dopo due anni mi sono deciso ad uscire erano spariti tutti."
E' difficile capire come ci si sente ad essere famosi da così tanto tempo. Quando era nei Take That ha ricevuto un anno 80mila cartoline di San Valentino. Nel 2006 è finito del libro del Guinness dei Primati per aver venduto 1,6 mil di biglietti del Close Encounter Tour in un solo giorno.
Nella sua biografia del 2004 ' Feel' Robbie racconta nei dettagli ben 18 mesi della sua vita dove emergono un sacco di contraddizioni. Un mix di insicurezze e di estrema fiducia. Il fatto di non poter rimanere mai solo per esempio. E nonostante i soldi gli permettano di vivere in camere spaziose non riesce a prendere sonno se non in stanze piccole, perchè da bambino dormiva in un ripostiglio.


Nessun commento: